×

28 Gennaio, 2022

Come esporre le piastrelle per aumentare le vendite

Nella progettazione di uno showroom di piastrelle è fondamentale definire come sarà il ciclo di circolazione ottimale. L’obiettivo è di evitare le zone fredde e che l’intero spazio diventi una zona calda che permette di migliorare le vendite e l’esperienza nel tuo negozio.

Hai a disposizione 10 secondi per avere un impatto positivo sul visitatore che entra nel tuo showroom di ceramica, bagno o materiali da costruzione. Un visitatore che, probabilmente, ha già ricevuto diversi impatti positivi prima di venire da te. Tuttavia, il momento decisivo inizia quando entra dalla porta: bisogna raggiungere l’eccellenza.

Come esporre le piastrelle per migliorare il tuo business di piastrelle, ti raccontiamo tutto!

Punti chiave nella progettazione di uno showroom di piastrelle

Lo spazio di vendita è il punto d’incontro con il cliente, lo strumento principale per raggiungere gli obiettivi di un’attività: conversione e fidelizzazione.

I tuoi valori più positivi devono essere ben definiti affinché siano percepiti dai tuoi visitatori. L’empatia, la vicinanza e la professionalità che ti caratterizzano devono essere trasmesse in tutta la tua esposizione affinché il tuo marchio prenda vita e si connetta con i tuoi clienti.

Cosa puoi fare per raggiungere questo obiettivo? Ti invitiamo a fermarti per un momento nel tuo showroom e a guardarlo attraverso gli occhi dei tuoi visitatori. Ti piace ciò che vedi? Compreresti nel tuo negozio? Se la risposta è sì, congratulazioni! Sei sulla strada giusta. Continua a leggere per migliorare i tuoi risultati. Se invece la risposta è no, ti invitiamo a contattarci direttamente, possiamo aiutarti!

1. Strategia nella progettazione del tuo showroom di piastrelle

Anche se le tecniche di marketing o di merchandising ti aiuteranno a guidare i tuoi clienti attraverso il tuo showroom di piastrelle, queste tecniche saranno inutili se non hai uno showroom progettato per generare vendite.

Tieni presente che l’esperienza di acquisto che fornisci nel tuo showroom è definita da un insieme di fattori come la posizione del prodotto, la presentazione delle tue collezioni, la generazione di un’atmosfera piacevole e, naturalmente, l’attenzione che offri. Tutto questo contribuisce all’acquisto e, cosa più importante, al far sì che ti raccomandino e che tornino ad acquistare da te.

Pertanto, è necessaria una buona architettura interna e i migliori espositori per mattonelle per fornire un’esperienza d’acquisto imbattibile.

2. Creazione di flussi di traffico

Ogni metro quadrato del tuo showroom di ceramica deve essere redditizio; quindi, è fondamentale creare flussi di traffico che fomentino la conversione.

Anche se non appartiene al settore dei materiali da costruzione, un’azienda che si distingue per creare ottimi flussi di traffico è Ikea. Il percorso della sua esposizione è perfettamente segnalato e studiato affinché tutti i visitatori circolino nella direzione che interessa all’azienda e ricevano impatti positivi che ispirano, motivano e risvegliano il desiderio di comprare.

Così, nel tuo caso, è importante organizzare bene la presentazione dei tuoi prodotti attraverso tendenze, ambienti, tipologie o temi che ispirano i tuoi visitatori. Tutta la tua esposizione dovrebbe essere concepita come una grande vetrina. Per riuscirci, è necessario che ogni espositore per ceramiche sia appropriato e posizionato strategicamente.

Per esempio, gli ambienti autoportanti, come quelli della nostra serie Tubestile, sono perfetti per ispirare i tuoi visitatori e guidarli lungo il percorso. Hai la libertà di ricreare diverse stanze che permettono al tuo cliente di visualizzare il risultato finale. E, per migliorare l’esperienza, hai la possibilità di inserire espositori per piastrelle scorrevoli, in modo da poter esporre più prodotti in uno spazio più piccolo.

3. Temperare le zone fredde

Gli studi dimostrano che quando un cliente entra in un’area di vendita self-service, si dirige verso il centro e poi gira a sinistra. Pertanto, è consigliabile posizionare il punto di accesso sul lato destro per incoraggiare la tendenza naturale.

La zona calda sarebbe l’area di circolazione naturale, indipendentemente dal prodotto che stai cercando. Pertanto, è comune mettere i prodotti di minore necessità, a bassa rotazione o novità in questa zona per facilitare la loro vendita.

La zona fredda è quella che si trova al di fuori della circolazione naturale dei clienti, dove il flusso è meno fluido. Pertanto, è meglio occupare queste aree con i prodotti che sono più richiesti, più frequentemente acquistati, più attraenti o con il maggior fatturato, in modo da riuscire a dirigere i visitatori verso queste aree meno frequentate.

Infatti, in molte occasioni, il bancone o la zona di creazione dei progetti si trova spesso anche nella zona che sarebbe la più fredda.

Quando si hanno due o più ingressi, si riducono le zone fredde, poiché la circolazione scorre in due o più direzioni.

4.Generare spaziosità e creare comodità

Quando progettiamo un’esposizione di piastrelle, noi di INSCA teniamo conto di come sarà il flusso di circolazione, quali zone saranno naturalmente calde e quali saranno fredde e dovranno, quindi, essere temperate.

A seconda delle caratteristiche dello spazio e del prodotto, è più interessante optare per esposizioni più aperte o altre in cui si può stabilire un percorso guidato strategico.

Nelle esposizioni che realizziamo noi di INSCA, ogni angolo e ogni pilastro può essere trasformato in un ambiente, in modo che tutta la stanza sia una grande zona calda senza punti freddi.

Inoltre, diamo sempre la priorità al benessere dei visitatori e alla creazione di spazi espositivi piacevoli. La ceramica e i sanitari non sono prodotti che si comprano d’impulso. Ai clienti piace riflettere sulla loro decisione, visualizzare il risultato finale.

Showroom aperti

Possiamo scegliere di creare un’esposizione completamente aperta in cui le collezioni sono esposte ai lati e il centro è riservato a zone di assistenza personalizzata, con banchi tecnici che favoriscono il servizio al cliente, permettono l’esposizione di campioni e la cui altezza non sia un ostacolo alla visualizzazione generale dell’intero showroom.

Questo tipo di soluzione è molto pratica quando vogliamo creare spazio. Riusciamo a creare un percorso naturale che favorisce la vicinanza, poiché i punti di assistenza personalizzata sono visibili in ogni momento.

I lati sono perfetti per dividerli in zone con ambienti in ceramica in cui mostrare, per esempio, le ultime collezioni. Naturalmente, invitiamo a sognare, per cui, i dettagli di ogni ambiente non possono mancare.

Dato che gli ambienti in ceramica occupano molto spazio, possiamo combinarli con soluzioni espositive come Kansas, Maxi Tiles o anche Utah, che ci permettono di mostrare le collezioni in modo aperto. 

E se vuoi sfruttare ancora di più ogni metro quadrato, hai la possibilità di includere espositori per piastrelle scorrevoli in stile Londres, Denver, Roma, Open o Paris. Per campioni più piccoli, non esitare a includere una ceramoteca (espositore a libreria per ceramiche).

Showroom con percorsi guidati

Un’altra opzione per esporre le ceramiche è la creazione di percorsi guidati in uno showroom, soprattutto se si dispone di una grande superficie. Gli ambienti in ceramica e gli espositori per piastrelle e sanitari ti permetteranno di creare dei percorsi senza bisogno di lavori di costruzione nel tuo stabilimento. Inoltre, favoriscono la presentazione coordinata e complementare dei tuoi prodotti. 

Tieni presente che quando si tratta di ceramica, più che creare corridoi, quello che facciamo è creare ambienti che generano sensazioni in modo che il tuo cliente viva un’esperienza coinvolgente. Questo tipo di esperienza crea connotazioni psicologiche negli acquirenti che permettono loro di spostarsi in certi ambienti e sentirsi in essi. Li sentono in modo completamente naturale, il che favorisce la loro percezione positiva. 

5. Espositori per piastrelle semplici da gestire

Aggiornare le tue collezioni per mostrare nuove proposte e tendenze è un valore che devi sfruttare. Ecco perché noi di INSCA progettiamo sistemi facili da usare e che permettono di cambiare facilmente i campioni. In questo modo, mostrerai un’immagine rinnovata del tuo negozio senza bisogno di investire di più.

6. Tendenze in tema di ceramica 2022

Vogliamo concludere questo post facendo riferimento alle tendenze che prevarranno nella ceramica nel 2022 secondo l’Observatorio de Tendencias del Hábitat (OTH).

Quest’anno, l’interior design sarà caratterizzato da naturalezza ed equilibrio, alla ricerca di una connessione con l’ambiente. Pavimenti e rivestimenti con un’estetica artigianale in cui la bellezza del naturale sarà in voga.

Inoltre, si distinguerà anche il lusso, ma delicato e senza tempo, senza perdere l’eleganza, come le imitazioni di marmo o l’effetto metallo.

Anche i rivestimenti più vivaci che trasmettono positività, gioia e ottimismo saranno grandi protagonisti nel 2022. Ci riferiamo alle ceramiche più creative e colorate.

Infine, un’altra tendenza è caratterizzata da collezioni che ispirano tranquillità e benessere. Pavimenti e rivestimenti con finiture più tenui o opache che donano sicurezza.

In breve, hai 10 secondi per avere un impatto sui tuoi visitatori e ora c’è tutta una serie di tecniche che ti aiuteranno a raggiungere questo obiettivo. Il tuo showroom di ceramica deve invitare a essere scoperto e diventare uno spazio piacevole che motiva i tuoi clienti e li aiuta a capire il tuo prodotto.

Noi di INSCA produciamo espositori per ceramiche e sanitari da più di 40 anni. Ora sai come esporre le piastrelle per migliorare il tuo business di piastrelle. Se vuoi essere un passo avanti, possiamo aiutarti, contattaci subito!